E' il caso di non mangiare il pesce perché è inquinato?



E' il caso di non mangiare il pesce perché è inquinato?

L'inquinamento minaccia tutto l'ambiente in cui viviamo: è un dato di fatto.

Tuttavia con qualche precauzione si può assumere pesce 3 volte a settimana, alternando le specie di grossa taglia con altre come alici, sardine, sgombri, branzino, orata, sogliola, trota. E controllando in etichetta o chiedendo al rivenditore la reale provenienza di pesca.

L'assunzione di pesce è importante per il suo contenuto naturale di acidi grassi essenziali omega 3.

Attenzione anche alla modalità di cottura:

con la cottura alla griglia non c'è perdita di omega3:

una minima perdita si verifica con la cottura al forno o in acqua bollente per 20 minuti.

Il consiglio è di scegliere bene e consumare pesce cotto a vapore, al forno o in pentola con pochissimo condimento e aggiunta di erbe aromatiche e spezie. Anche una cottura veloce sulla piastra può essere un'alternativa, senza bruciacchiare il pesce!

#omega3 #pesceazzurro