cardo selvatico.



Cynara cardunculus - il carciofo - è stato selezionato a partire dal cardo selvatico.

Un esempio della selezione genetica che ha reso commestibile un'erba coriacea e amarissima. La parte commestibile è il capolino immaturo, quando si apre è un fiore bellissimo dai colori blu-violacei.

E' una fonte importante di fibre (attenzione per coloro che soffrono di intestino irritabile); ed inoltre ferro, calcio, fosforo e vitamine.

E la ricetta???

Risotto ai Carciofi

Ingredienti per 4 persone:

6 carciofi (parte più tenera)

Succo di un limone

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

½ cipolla (o porro)

280g di riso (integrale)

1 ½ litro di brodo vegetale

2 cucchiai di formaggio stagionato grattugiato (oppure mandorle tritate finemente)

Preparazione

Pulire i carciofi togliendo le foglie esterne più dure. Lavare e tagliare le punte, quindi ridurre a fettine, immergere in acqua con succo di limone in modo che non anneriscano.

In una casseruola porre la cipolla tritata, 2 cucchiai di brodo, rosolare.

Asciugare le fettine di carciofo e aggiungere alla cipolla.

Unire il riso far tostare e aggiungere 2-3 cucchiai di brodo, continuare a mescolare, quindi versare il brodo, circa 1 bicchiere per volta, mescolare fino a farlo assorbire e continuare fino a cottura del riso ultimata.

Per il riso semi integrale la cottura è circa 25 minuti.

A fine cottura amalgamare con 2 cucchiai di olio d’oliva e formaggio stagionato grattugiato.

Oppure sostituire quest’ultimo con mandorle tritate finemente.